ITALIANO ENGLISH DEUTSCH

 

Prosecco D.O.P. Treviso Tranquillo Nono Pin

Nonno Bortolo Valentino Meneguz, detto Pin, era noto ai più anche con l'appellativo di Giusto per l' emblematica rettitudine morale ed in virtù di tale nobile tempra, egli rappresentava un punto di riferimento per la comunità locale.

Il suo Prosecco era il vino della tradizione.
Secco e sapido costituiva il viatico rigenerante del duro lavoro in vigna e l'immancabile “"ombra“" che siglava ogni incontro tra amici.

Lo ripropongo perché le note fruttate di mela e pera e la mineralità sfumata in agrumata freschezza, donano una piacevolezza senza tempo.

Vitigno: Glera 100%.

Le uve selezionate per questa produzione provengono dalla parcella più soleggiata della collina delle Ghette, da terreni di marna calcarea che donano note minerali e buona sapidità.
La vendemmia manuale si svolge solitamente verso la metà del mese di settembre e dopo la diraspatura e la pressatura soffice, il mosto fiore affronta la fermentazione alcolica con lieviti indigeni in cisterne di acciaio, ad una temperatura di 18 °C. Ottenuto il naturale illimpidimento attraverso tre travasi, il vino fiore riposa su deposito fine per tutto l'inverno e solo all'inizio della primavera, raggiunto lo stato evolutivo ideale, viene imbottigliato.
Il titolo alcolometrico volumico effettivo è 10,70%. Il residuo zuccherino è di 7 gr. per litro. L'acidità totale è di 5,8 gr. per litro.

La buona struttura e persistenza, la vivacità spontanea che lo rende sensibilmente petillant, lo sposano egregiamente a primi piatti a base di pesce e verdure ed a secondi sempre a base di pesce. Interessante anche l'abbinamento con formaggi e salumi per una classica “"marenda“" alla veneta.
Degustatelo a 8-10 °C.